areapangeart incontri d'arte a Camorino vi invita all

 

BIENNALE DEL LIBRO D'ARTISTA

UN OMAGGIO A PARIS E WEISS

 

LA GRAFICA E IL LIBRO D'ARTISTA IN

UNICA COPIA O IN TIRATURA LIMITATA

 

a cura di Loredana Müller e Rosa Pierno

 

SABATO 14 LUGLIO 2018 

DALLE ORE 17 ALLE ORE 20

FINO AL 29 LUGLIO 2018

  

SABATO DOMENICA 0RARI 17-20

SU APPUNTAMENTO GLI ALTRI GIORNI DELLA SETTIMANA

 

In areapangeart suoneranno musica dal vivo al pianoforte dalle 19 alle 20:

 

Sabato 14 e domenica 15 luglio, al piano solo

Roberto Mandozzi motivi Jazz.

 

Sabato 21 e domenica 22 luglio,

al piano Heribert A.R. Moellinger attorno a Domenico Scarlatti.

 

Sabato 28 e domenica 29 luglio,

Piano e Congas con Catia Olivia improvvisazioni modali.

  

 

 

BIENNALE DEL LIBRO D'ARTISTA 

UN OMAGGIO  A PARIS E WEISS

SABATO DOMENICA 0RARI 17-20

 

 Pagine ad olio di G.Paris rilegate da Josef Weiss                          

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

  Divan generato da Gianni Paris nel 2002

  

 DIALOGO TRA 22 ARTISTI E POETI UNITI DALLE PAGINE DI JOSEF WEISS

 

Al centro dell’esposizione saranno presentate le edizioni, spesso di grandi dimensioni, realizzate in

 

copia unica dall'editore e rilegatore, Josef Weiss di Mendrisio con le opere del pittore Gianni Paris

 

Libri straordinari tra pagine di pittura e rilegatura, nate grazie alla complicità tra editore e pittore.

 

L'attività dell’editore d'arte Josef Weiss è vasta e vanta collaborazioni con artisti internazionali.

Gli artisti presenti in mostra sono: (In ordine per numero di opere con Josef Weiss)

 

Giulia Napoleone, Massimo Cavalli, Loredana Müller, Dina Moretti,

Paola Fonticoli, Elisabetta Diamanti, Francine Mury.

 

I poeti presenti con i loro testi sono:

 

Roberto Bernasconi, Ada Donati, Rita Iacomino, Gilberto Isella,

Pietro Montorfani, Alberto Nessi, Rosa Pierno, Fabio Pusterla,

Antonio Rossi, Maria Rosaria Valentini, Marco Vitale.

 

Oltre agli artisti presenti nella scelta delle edizioni Josef Weiss,

 

la Biennale del libro avrà tre ospiti artisti: 

 

Uno scultore, un pittore segnico, un editore,

i quali lavorano intorno al concetto di libro d’arte

con esiti particolarmente raffinati:

 

Paolo Di Capua con i suoi libri scolpiti in legno,

Alfonso Filieri con le sue opere di carta fatta a mano,

Paolo Pelliccia con le sue tavole/pagine segniche a parete.

  

 

In areapangeart suoneranno musica dal vivo al pianoforte dalle 19 alle 20:

 

Sabato 14 e domenica 15 luglio, al piano solo Roberto Mandozzi motivi Jazz.

 

Sabato 21 e domenica 22 luglio,  al piano  Heribert A.R. Moellinger attorno a Domenico Scarlatti.

 

Sabato 28 e domenica 29 luglio, al piano e congas  Catia Olivia improvvisazioni modali.

 

 

L'esposizione prevede appuntamenti, dedicati al territorio dell'anima; tra letture di testi.

 

Una serata, 29 luglio, "Il poeta e la ceramista", voce narrante Maria Will, voce del poeta Giancarlo Nava , voce della ceramista Petra Weiss, accompagna Catia Olivia al pianoforte .

 

 

laboratori di areapangeart e BAZARBOOKPRESS,

 

libri d'artista nati dai corsisti, in esposizione in saletta incontri,

alcuni anche in collaborazione con J. Weiss.

 

L'editore, rilegatore di Mendrisio Josef Weiss ha collaborato con molte altre personalità dell'arte qui la sua pagina informatica per approfondimenti: www.josefweiss.ch

 

Areapangeart è a Camorino, a sud di Bellinzona, valicato il Ceneri, il centro è in Via Ai Casgnò 11a dalla stazione di Giubiasco o da Bellinzona Postale numero 1 per il Villaggio di Camorino, scendere fine corsa.

di seguito due opere: Libri  in legno, 2018 di Paolo di Capua presenti alla Biennale del Libro

Su sfondo rosso, una panoramica su alcune delle opere rilegate e "concepite" a caratteri a piombo nel testo, e spesso nella "veste" grafica da Josef Weiss. Libri d'artista  e d'autori  presenti alla Biennale.

A centro nella prima immagine la cartella tra Massimo Cavalli e Antonio Rossi. nella seconda sempre nel centro un opera tra Giulia Napoleone e Fabio Pusterla.

 Alfonso Filieri edizioni l'orolontano: due opere su tre esposte qui visibili;

PESCA MIRACOLOSA. 2018. Carta cynara scolymus, carta velo, cera. Testo di Rosa Pierno

PIETROSO DIRUPO. 2018. Carta cynara scolymus, pigmenti, carta cotone giapponese, cera. Testo di Rosa Pierno.

 

Esempio di libro d'arte in unico esemplare: Francine Mury  " Libro 5106" 16 monotipie, edizioni Josef Weiss private Press 2018

   Paolo Pelliccia " bianco e nero" carta cm 30x30     linguaggio, incernierato tra i crinali visivo-scritturali.

 

 

 

 

 

 

Massimo Cavalli (Locarno 1930- 2017)

 

 

 

Trascorre a Bellinzona infanzia e adolescenza. Dal 1949 al 1954 si forma a Milano, all’Accademia di Brera, sotto la guida di Aldo Carpi, il cui assistente Italo Valenti ne apprezza le qualità. Le prime esposizioni personali si tengono in Ticino: nel 1957 al Circolo di cultura di Bellinzona, presentata da Giorgio Orelli; nel 1959 alla galleria del Negromante di Locarno, con presentazione di Virgilio Gilardoni. Dal 1960 al 1961 soggiorna all’Istituto svizzero di Roma; dal 1962 al 1980 ha il suo studio a Milano dove espone al Salone dell’Annunciata (1963) e alla Galleria del Milione (1967) – gli spazi che privilegiano la pittura informale. Vive di continuo il pendolarismo fra Milano e il Canton Ticino che negli Seite 1/4, http://www.sikart.ch anni ’60 gli riserva non poche amarezze per la committenza negata. Fra il 1965 e 1968 esegue alcune pitture murali per degli edifici pubblici in Ticino e undici vetrate per la Chiesa cristiana protestante di Milano. Dal 1974 al 1992 è insegnante di incisione presso il Centro scolastico industrie artistiche (CSIA) di Lugano. La sua ricca produzione grafica, tirata nell’Atelier Upiglio di Milano, è pubblicata dalle Edizioni Scheiwiller. Un fondo di suoi dipinti e stampe – presentato al Musée Jenisch a Vevey – è disposto in permanenza al Museo Villa dei Cedri di Bellinzona dal 1996.

 

 

Giulia Napoleone.

 

 

 

Giulia Napoleone (Pescara, 1936) frequenta dal 1965 la Calcografia Nazionale. Nel 1967 ottiene dal Governo Olandese una borsa di studio per il perfezionamento nelle tecniche grafiche presso il Rijksmuseum di Amsterdam. Dal 1973 al 1976 lavora nuovamente alla Calcografia. Partecipa per tre anni ai Corsi Internazionali di Grafica di Urbino. La sua attività espositiva, in tutte le città più importanti in Italia, è presentata dai nomi più prestigiosi della critica d'arte, da Marisa Volpi a Rossana Bossaglia, da Claudio Zambianchi a Carlo Bertelli, da Lorenza Trucchi a Silvana Sinisi, da Enrico Crispolti a Giulio Carlo Argan, da Filiberto Menna a Daniela Fonti. Mostre personali e collettive in numerosi Stati Europei, in Svizzera, negli Stati Uniti e in Canada. Ha insegnato alla Calcografia Nazionale di Roma, all’Accademia di Belle Arti dell’Aquila, all’Università de la Laguna di Tenerife alle Canarie, all'Università di Arti e Scienze di Aleppo in Siria. È Accademico Nazionale di San Luca. Esistono fondi delle sue opere presso il Museo di Villa dei Cedri di Bellinzona, il Gabinetto di Disegni e Stampe degli Uffizi a Firenze e l’Istituto Nazionale per la Grafica a Roma.

 

 

 

                                                                       Loredana Müller :

 

 

 

Loredana Müller è nata a Mendrisio nel 1964, risiede nel Luganese e studia allo CSIA, segue le lezioni di M. Cavalli e M. Huber, tra grafica e arti applicate. Con una borsa di studio, si licenzia in pittura nel 1988 presso lAccademia di Belle Arti di Roma, ove frequenta i corsi di E. Brunori e G. Strazza. È pittrice, incisore, ceramista. Espone frequentemente in Italia, in Francia, in Svezia, in Romania e in Svizzera, sia in personali che in collettive. Rientra in Ticino nel 2000. Apre la Galleria Pangeart (2002-2006) a Bellinzona. Cura le cartelle calcografiche Omaggi e confronti. Avvia nel 2006 la Scuola Pangeart di Arti Applicate a Camorino. Nel 2007 il Progetto Pangeart si unisce a AR Officina dArte Contemporanea a Milano. Nel 2008 cura le cartelle calcografiche AR. Nascono le Edizioni Pangeart in collaborazione con artisti e poeti. Nel 2009 fonda le edizioni ramo radice con M.R.Valentini. Cospicua la produzione di libri d’artista. Dal 2009 collabora con la Galleria Stellanove di Mendrisio e con L.I.Art Roma.Dal 2010 al 2015 hanno luogo numerose esposizioni di pittura e d'incisione calcografica. Nel 2015 apre col compagno Gabriele Donadini il centro culturale areapangeart, con esposizioni internazionali e incontri di poesia, letteratura, musica e cinema: www.areapangeart.ch

 

 

 

Dina Moretti:

 

 

 

Dina Moretti è nata a Lugano nel 1958.

Dopo gli studi all'Istituto Magistrale, si è diplomata all'Accademia delle Belle Arti di Brera (Milano-Italia) nel 1985.

Vive e lavora in Svizzera e in Italia.

 

 

 

Paola Fonticoli:

 

 

 

Paola Fonticoli (Torino '61) si diploma nel 1984 in Pittura presso l'Accademia di Belle Arti di Milano; l'anno seguente la Nuova Prearo Editore pubblica la sua tesi di Storia dell'Arte dal titolo “Achille Bonito Oliva - La critica d'arte come arte della critica”. La sua prima mostra personale è del 1985. Seguono, fra le altre, quelle di Rio de Janeiro, Milano, Parigi, Kyoto, New York, Bonn, Colonia, Mendrisio, Torino.

 

Partecipa a numerose mostre collettive in Italia e all'estero su invito, tra gli altri, di: Achille Bonito Oliva, Lorànd Hegyi, Elena Pontiggia, Claudio Cerritelli, Francesca Alfano Miglietti, Martina Corgnati, Flaminio Gualdoni, Angela Madesani, Matteo Galbiati.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Paolo Di Capua:

 

 

 

Paolo Di Capua, nasce nel ’57 a Roma. Studi: Accademia di Belle Arti di Roma e Dottorato di Ricerca in Arte Visiva presso la Facolta' di Belle Arti dell'Università La Laguna', Isole Canarie, Spagna. Dagli inizi degli anni ’80 ha un attività espositiva internazionale. Ha partecipato alla 54^ Biennale di Venezia, Padiglione Italia nel Mondo. La sua opera '' Crescita di Piante Notturne'' fa parte della collezione del Museo Nazionale di Arte Moderna e Contemporanea a Seoul. Dal 2001 dirige lo HyunnArt Studio a Roma.

 

 

 

Elisabetta Diamanti:

 

 

 

Elisabetta Diamanti nasce a Roma nel 1959. Nel 1981 si diploma all'Accademia delle Belle Arti di Roma nel corso di "Decorazione" e dalla fine degli anni '80 frequenta lo studio di Guido Strazza.

 

Prende parte ad un corso biennale di ricerca e sperimentazione delle tecniche dell'incisione presso

 

l'Istituto Nazionale per la Grafica in Roma dal 1981 al 1983, dove si specializza nel corso di "bulino" tenuto dal Prof. J. P. Velly.

 

Partecipa ai Worksession di incisione calcografica presso il Centrum voor grafick Frans Masereel Kasterlee (Belgio) dal 1997.

 

È stata docente per un anno d' incisione all'Accademia di Belle Arti di Viterbo nel 1996 e insegna "Incisione e Stampa" presso la scuola comunale "Arti Ornamentali" di Roma.

 

 

 

Alfonso Filieri:

 

 

 

L'attività di Filieri si iscrive nell'alveo della produzione artistica e di quella letteraria, in un connubio molto personale che funge da elemento fondante e peculiare di un'intera poetica. La prima personale dell'artista risale al 1974, periodo in cui lavora a varie opere su tela come Itinerario, Viaggio, Fuga, Ritmo e Presenze. Intorno a questa data si collocano alcune esposizioni dislocate in diverse città italiane: a Roma, presso le Gallerie Marcon IV e Soligo, a Genova, presso la Galleria La Salita. Tra gli eventi di rilievo di questo periodo si annovera la mostra "Milano invece di Milano" (Milano, Palazzo Reale), con Avenali, Bonalumi, Castellani, Cavaliere e Pomodoro e quella al prestigioso premio annuale d'arte contemporanea di Termoli. Alcuni anni più tardi, con la raccolta di disegni e testi poetici dal titolo "Ulisse del viaggio, Icaro del volo" (ed. Segrete, 1978), comincia a strutturarsi il fondamentale rapporto tra arte e scrittura, elemento imprescindibile dell'intera produzione dell'artista. Da questo precedente prenderà infatti le mosse il progetto delle opere-libro edite da artein (poi artein-orolontano e oggi archivio orolontano): libri a tiratura limitata in cui confluiscono parole e immagini, scritti poetici e forme grafiche, dando luogo a una suggestiva commistione di elementi. www.archivio -orolontano.it

 

 

 

Francine Mury:

 

 

 

Francine Mury nasce a Montreux nel 1947. Frequenta le scuole dell'obbligo a Basilea, città che avrà un ruolo centrale nella sua formazione. Studia arti visive e grafica, dapprima in Inghilterra e in seguito a Basilea e a Berna.

 

Tra il 1983 e il 1988 vive e opera a Parigi, dedicandosi in particolare alla pittura e frequentando un corso di incisione presso la scuola Hayter. Di seguito soggiorna a Milano e a Roma, ampliando i suoi contatti con il mondo artistico. Nel 1987 si reca per la prima volta in India. Da allora, diversi viaggi di studio le permettono di sviluppare il suo interesse per la pittura indiana.

 

Vive in Ticino dal 1989. Ha insegnato presso il Dipartimento di Arte applicata del