Nessun testo alternativo automatico disponibile.

 areapangeart incontri d'arte a Camorino

 

 vi invita all'esposizione “GLI OROLOGI A CUCÙ DI MIA ZIA BRENDA LEE „

  

lunedì 20 novembre 2017 alle ore 19

 

fino al 22 gennaio 2018 opere di Ivano Facchinetti

 

musica in sala di Giancarlo Nicolai

 

presenta Vito Calabretta

 Nessun testo alternativo automatico disponibile.

 

Programma i lunedì ore 19 prenotazione necessaria Saletta Incontri

 

27 novembre                       “L'uccello che girava la chiave di sol“.

                                             Presenta Lazaros Gkalfas

 

                                             Virginia Rossetti, pianista,

                                             Mattia Zamboli, violinista

                                             interpretano dal vivo  brani musicali

 

                                             amati dallo scrittore Murakami Haruki                                 Concerto

 

 

4 dicembre                           “La tua casa è la mia città „

 

                                              Roberto Briccola, architetto e docente USI                    Conferenza

 

 

11 dicembre                         “La luce dell'Ombra„ Werner Weick, regista

 

                                              documentario RSI - Filo d'oro – seconda parte                       Cinema

 

 

18 dicembre                         “I quadri in fior „ fiori nella pittura

 

                                              Dario Bianchi, docente e pittore                                      Conferenza

 

 

15 gennaio 2018                  “Il volto di sé e l'autostima „

 

                                              Roberto Pirola, esperto della comunicazione                 Conferenza

 

 

22 gennaio                            "Ivano Facchinetti" nella collana a tempo 

 

  domenica                           delle Edizioni Topik  Maria Will critico d'arte               Presentazione

 

      ore 17                              " Ivano in Viaggio " testo di Enrico Roggero

                                  voci e musiche di Jana Butu e Daniele Dell'Agnola       Rappresentazione

 

 

 

www.areapangeart.ch incontri d'arte via ai Casgnò 11a 6528 Camorino tel 0763380967 loredanamuller@bluewin.ch

 

 

Ivano Facchinetti

 

Ivano Facchinetti nasce a Locarno il 18 novembre del 1952. Studi universitari a Friborgo (Storia) e diploma di grafico illustratore alla Scuola Superiore di Arte Applicata di Lugano. Abita ad Arcegno sopra Losone, vicino a Locarno, nel Cantone Ticino (Svizzera). Inventore di forme, costruttore di spazi, architetto del colore. Si potrebbe anche dire "inventore di forme colorate che generano uno spazio". Nella sua neutrale correttezza, la definizione suona però arida, troppo disadorna per contornare appieno l’arte semplice e complessa, spontanea e meditata, oggettiva eppure fortemente evocativa di Ivano Facchinetti. Proprio in questo suo consistere di qualità opposte, si individua l’aspetto forse più sostanziale e rivelatore dell’opera di Facchinetti. Sottilmente ambigue a dispetto di un’evidenza apparentemente piana, le creazioni di questo artista rispondono all’assunto che stabilisce la compiuta e totale autonomia dell’arte visiva. L'arte può essere decorativa senza scadere su di un piano accessorio? L’arte è decorazione, rispondono gli artisti come Facchinetti, laddove essa si compie necessariamente nel campo della pura percezione visiva. Il godimento estetico sarà dunque il fine conseguente di un tale tipo di impostazione operativa. La chiarità dell’idea, l’equilibrio cristallino della realizzazione diventano allora requisiti in mancanza dei quali non si darà arte alcuna. È di questa natura la tensione che attraversa il lavoro di Facchinetti, il quale si dimostra estremamente sorvegliato nel suo procedere dal progetto alla messa in opera. Figure che appartengono ad una dimensione magicamente sospesa a ricordarci che l’arte serve anche a preservare la parte più viva di noi, quella a cui abbiamo voltato le spalle diventando grandi.
(estratto da un testo di Maria Will del febbraio 2005)